Asia, Cronache 16

Il Viaggio con Hamed Continua in Cambogia: Relax? – 4

Cambogia moto

Continua la saga delle cronache del viaggio pazzo della sottoscritta e Hamed. Dov’eravamo rimasti? Ah, sì: che eravamo nel Laos.

Il tempo di saldare il conto al nostro hotel, ed eccoci sfrecciare sul taxi (Hamed ha rinunciato al tuk tuk solo perchè avevamo troppa fretta – non illudiamoci), direzione Aeroporto di Vientiane. L’aeroporto è piccolo e troviamo subito il bancone del check-in. Con voce preoccupata chiedo se possiamo acquistare due biglietti per Phnom Penh: “Ma certo!”, mi risponde l’addetto della compagnia aerea Vietnam Airlines, chiedendoci i passaporti, mentre sento allentarsi la tensione. “Oman? Wait”. Oh no, ci risiamo! Mi appoggio sconsolata alla spalla di Hamed: non sia mai che abbia un tracrollo proprio a un passo dalla meta.

Come già alla frontiera tra Thailandia e Laos, così qua: Oman? Mai sentito nominare. E così il nostro comincia una ricerca – con estrema calma e tranquillità, tanto mancano solo venti minuti all’imbarco – per scoprire se i cittadini omaniti debbano essere in possesso di un visto emesso prima di entrare in territorio cambogiano.

Cerca sul computer.
Effettua una chiamata.
Sparisce nei meandri dell’aeroporto.
Ricompare.
Effettua un’altra chiamata.
Scompare  del tutto.

Passano cinque minuti.
Nessuno compare all’orizzonte.
Altri cinque minuti.
Niente.

Poi lo vediamo ricomparire, minuto, al bancone del check-in: “Tutto Ok! Può entrare e chiedere il visto in aeroporto”. Come se non lo sapessimo già!

Prima di emettere i biglietti, però, ci chiede se abbiamo abbastanza contanti per poterci mantenere in Cambogia. Apro il mio portafogli: 50 euro. Storce il naso (come dargli torto?). Per fortuna, Hamed non è un amante delle carte di credito (nel portafogli ne ha tre: non una che funzioni), così dopo due minuti i biglietti sono nostri. Yeah! E adesso affrettiamoci: non vorrei che dopo tanto attendere, lorsignori ci lasciassero pure a piedi.

L’Hamed si fionda subito nella sala fumatori – una boccata d’aria fresca ci vuole prima di prendere il volo, no? -, mentre io mi seggo a bere qualcosa al bar.

laos

laos

Di lì a pochi minuti stanno già chiamando per l’imbarco:

laos

Saliamo, ci accomodiamo sui nostri sedili, e dopo un’ora di volo ecco ciò che appare sotto di noi:

cambogia

Il Mekong: ogni volta che si atterra in Cambogia, ecco che appare immenso, marrone, quieto.

Nasce dagli altopiani tibetani e scorre toccando Cina, Myanmar, Laos, Thailandia e Cambogia. Quando giunge a Phnom Penh, il Mekong si biforca nel Mekong Inferiore e nel Bassac, che varcano la frontiera con il Vietnam, dove si trasformano in un delta sconfinato di oltre 22.000 chilometri quadrati. Qui il grande fiume ci abbandona, sfociando nel Mare Cinese Meridionale.

La Cambogia si dice essere un dono del Mekong: modellata dalle sue acque, è una creatura del fiume.

cambogia

All’Aeroporto di Phnom Penh nessuno fa gli occhi a punto interrogativo alla parola Oman, i passaporti ci vengono timbrati in una piccola catena di montaggio cui consegnamo una fototessera, un modulo già compilato sull’aereo e 20 dollari a testa per il visto turistico. Quest’ultimo è rinnovabile di un altro mese, poi bisogna uscire dal paese. Dal 1 ottobre 2014, però, il prezzo del visto turistico è stato aumentato a 30 dollari (Puoi leggere maggiori dettagli su visti, vaccini e raggiri alle frontiere QUI).

E ora… tuffiamoci nel traffico di Phnom Penh: ah, la mia Cambogia! Finalmente! Gas di scarico, tuk tuk, motorini che arrivano da destra, motorini che arrivano da sinistra, motorini che ti arrivano dritti addosso, ragazze in pigiama, odore di immondizia, ragazzi con la mascherina sulla bocca, cavi elettrici, noci di cocco, durian, e gli immancabili venditori di ghiaccio: sì, ora sono proprio a casa.

cambogia phnom penh

cambogia phnom penh

cambogia phnom penh

cambogia phnom penh

cambogia phnom penh

Il tuk tuk ci porta lento a Villa Srey, il boutique hotel al numero 16 in Street 306 che ci è stato consigliato da Mary, la mia amica che vive a Phnom Penh e insegna inglese. L’hotel si trova nel quartiere Boeung Keng Kang 1, quindi centralissimo: da lì si può andare ovunque. Per 35 dollari ci sistemano in una camera bella e confortevole immersa nel verde. Affamati come lupi (non so chi di noi due mangi di più), molliamo gli ormeggi e ci fiondiamo a uno dei miei due ristoranti preferiti, il Comme à la Maison in Street 57, dove ordiniamo un lauto pranzo come non ne mangiavamo da giorni.

Poiché nessuno dei due parla francese, ci perdiamo nel menù tra gelée, brochettes e filet; escludo subito il Sauté de Porc, essendo Hamed musulmano: “Scusa, ma chi ti ha detto che non mangio il Porc?”. Bene: fuma come un turco, beve come una spugna e mangia anche il porc. Viva l’osservanza!

Lui è fatto così: non prega e non frequenta le moschee. Però ha una generosità senza uguali: se hai bisogno ti darebbe anche l’anima, e lascia sempre mance generose ai camerieri e soldi ai senzatetto.

Il pomeriggio trascorre tranquillo mentre passeggiamo verso l’Independence Monument in Sihanouk Boulevard, dove incrociamo i cambogiani che al tramonto corrono, fanno ginnastica o camminano in tuta (talvolta in pigiama) a passo spedito:

Camminando lungo il Sothearos Boulevard in direzione Royal Palace c’è il solito animatore che, ogni sera da anni, movimenta i cambogiani a ritmo di musica da discoteca: un’aerobica molto improvvisata ma d’effetto, tanto che tutti i passanti ne rimangono ipnotizzati.

Sulle rive del Mekong noto che ci guardano tutti, dai bambini (che girano letteralmente la testa al nostro passaggio) agli adulti: qui non è affatto usuale vedere un nero con una bianca. Anzi: non è affatto usuale vedere un nero alto e muscoloso girare con nonchalance per la capitale in canottiera. E fu così che il nostro, fiero del suo nuovo status da VIP, se ne esce con una delle sue perle: “E come mai non si girano a guardare quei vecchi bianchi accompagnati da giovani cambogiane in minigonna?”.

Mentre passiamo davanti al Foreign Correspondents Club sulla Sisowath Quay, per un attimo mi viene in mente Vesna, ovvero la mia prima (segretissima) avventura cambogiana, e mi scappa da ridere. Subito dopo, spero invece di non incontrare nessuno che mi conosca: non ho ancora detto alle suore della missione che sono arrivata. Voglio fare loro una sorpresa, e poi non voglio domande e interrogatori sul mio accompagnatore omanita. Detto, fatto: “TEACHER ELI!”. Mi giro: una mia ex alunna mi sta venendo incontro sorridente.

“Ma sei tornata? Devo dirlo a Suor Giovanna!”, mi dice, squadrando Hamed dalla testa ai piedi. Ti prego, no: tutto, ma Suor Giovanna no. Alle suore venete bisogna dire tutto, ma non che si frequenta un arabo. Potrebbe farmi dire una messa.

La mia ex alunna era una delle più brave in inglese, piena di talento e molto creativa. Viene dalla campagna, il papà aveva abbandonato lei e la mamma quando era piccola. La osservo: minuta nella sua minigonna stretta, tacchi alti e unghie rosse, non sembra più lei mentre attira i clienti nel ristorante per cui ora lavora. Mi viene una fitta al cuore. “Vediamoci una sera, Teacher!”.

Cambogia

Ormai è calata la notte mentre entriamo al Pop Cafè, l’altro mio ristorante preferito che si affaccia sul Mekong: cibo italiano dei più buoni, ricette della mamma del proprietario Giorgio, e il luogo dove Hamed scopre l’esistenza degli spaghetti alle vongole. Sarò condannata a tornarci tre volte, prendendo io stessa le sembianze di un mollusco.

– Aaah, finalmente un hotel degno di questo nome!, esclamo, sistemandomi il lenzuolo fresco sulle spalle. Domani voglio dormire almeno fino alle dieci!
– Fino alle dieci? Scherzi, baby? Domani mi porti in tuk tuk a vedere la campagna!
– Ma… non vuoi visitare Phnom Penh?
– Phnom Penh? Ma non l’abbiamo già visitata oggi?

Vuoi cambiare vita? Ricevi via email le mie avventure e consigli per spronarti a partire.

You Might Also Like

16 Comments

  • Barbara Lingua says: 07/12/2014 at 21:37

    ….mi sono persa qualcosa. … sei in Cambogia? ???

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 07/12/2014 at 21:53

      Ma no!! Questa è la quarta puntata delle cronache del mio viaggio in Cambogia fatto lo scorso maggio! Se ti sei persa le altre, puoi leggere la prima cliccando sulla frase gialla “cronaca del viaggio pazzo” all’inizio del post. 🙂

      Reply
  • elisa says: 07/12/2014 at 22:42

    I tuoi post mettono allegria! Grazie Ely!! E quando ti chiamano baby con quell’aria da furbetti non si riesce proprio a dirgli di no 😉

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 08/12/2014 at 10:29

      Grazie Elisa! Non si riesce a dirgli di no, e poi ti metti nei guai da sola 😉

      Reply
  • Paolo says: 08/12/2014 at 09:17

    Divertente come sempre.
    Hamed con le sue stranezze è simpatico.

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 08/12/2014 at 10:30

      Simpatico, sì, e te l’ho detto: è un portatore sano di ulcera agli altri!

      Reply
  • Gloria Vanni says: 08/12/2014 at 10:06

    Sai che c’è? Anche a me Hamed sta così simpatico che mi verrebbe quasi voglia di conoscerlo ma… al momento niente Oman per me! Magari è lui a venire da noi? Comunque, brava come sempre: leggerti è propio divertente e… voglio andare in Cambogiaaaaaaaaaaaa, senza Hamed però, solo con te, Eli!

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 08/12/2014 at 10:34

      Grazie Gloria! Vuole venirmi a trovare a gennaio: dice che vuole vedere cos’è l’inverno torinese. Me lo vedo arrivare all’aeroporto di Caselle con il dishdasha lungo di cotone e il turbante, e -2 gradi fuori 😀 Andiamo pure in Cambogia insieme, sarebbe bellissimo, adoro farla conoscere. Non c’è problema per Hamed: non credo proprio che potrei sopportare un altro viaggio con lui! Va bene solo in Oman 😉

      Reply
  • Chiara (Appunti a Margine) says: 08/12/2014 at 12:07

    Uno dei blog più positivi che abbia mai trovato in rete!
    Ti seguirò molto volentieri 🙂

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 08/12/2014 at 12:44

      Chiara, grazie!! Sono proprio felice . Ora vado a conoscere il tuo 😉

      Reply
  • Laura says: 08/12/2014 at 17:41

    Positività allo stato puro! Grande Eli,pare di essere lì.Concordo sul fatto che guardino te con un uomo d colore piuttosto che scandalizzarsi x le donne quasi bambine con gli stranieri. È un po come in india che guardano me e non vedano quelle che hanno fuori solo gli occhi…a malapena li si intravede sotto il velo.ciò che è normale passa sempre x folle! Ora non ce da stupirsi se il mondo va avanti male.

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 08/12/2014 at 18:45

      Grazie Laura! L’affermazione “Ciò che è normale passa sempre per folle” è bellissima e veritiera. Ora me la segno sul mio taccuino delle ispirazioni 😉

      Reply
      • Laura says: 13/12/2014 at 08:32

        proprio come ti ho scritto nella mail riguardo la donna ospite alla missione no? Avra’ certo problemi ma non e’ folle…eppure passa x folle solo perche’ a differenza delle altre ha una sua indipedenza ancora…pazzesco…alla fine il mondo e’ governato da pazzi!

        Reply
        • Eli Sunday Siyabi says: 13/12/2014 at 17:42

          Ho letto la tua email oggi pomeriggio e sono rimasta abbastanza allibita. Le missioni cattoliche non finiranno mai di stupirmi, chi nel bene e chi (ahimè) nel male. Ma tu vai avanti con lo spirito che ti contraddistingue: ciò che semini, raccoglierai.

          Reply
  • Grazia Gironella says: 09/12/2014 at 20:55

    Che leggerezza i tuoi racconti! Davvero balsamica 🙂

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 10/12/2014 at 08:45

      Balsamica? Grazie!! 🙂 buona giornata!

      Reply

    Leave a reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.