Buttati!, VIDEO 12

Come un Video di 5 Minuti Può Salvarti Dal Giudizio Della Gente

Ci sono momenti in cui non si è più motivati a fare nulla per se stessi. Si comincia ad ascoltare ciò che gli altri dicono di fare perchè secondo loro è giusto, e addio aspirazioni. I sogni vanno a farsi benedire. Ma tu sai che dentro di te c’è un seme che, se annaffiato a dovere, crescerà e diventerai ciò che sei.

Ho trovato questo video di cinque minuti: mettete alto il volume, e se non capite l’inglese, leggete prima la traduzione che ho trascritto qui sotto, e poi guardatelo. Si intitola The Meaning of Life, explained by a 3rd graders: Il Significato della Vita spiegato da un bambino di terza elementare.

“Immaginati a 90 anni adagiato su una sedia a dondolo, nella veranda, a ripensare alla tua vita.

L’hai immaginato? Bene! Ora lasciami spiegare.

Vari studi hanno dimostrato che il più grande rimpianto delle persone anziane non è quello che hanno fatto, ma quello che non hanno fatto.

Che triste sarebbe, se arrivassi alla fine della tua vita e realizzassi che NON HAI MAI VISSUTO VERAMENTE!

Questa è la tua vita. Non la vita di un altro. Non importa come la società, i tuoi genitori, i tuoi amici vorrebbero che tu vivessi. Loro vorrebbero che tu vivessi come loro.

Sei tu che hai il potere di decidere!

Questa è la TUA vita. TU la controlli. Tu devi fare quello che sembra giusto al TUO cuore.

Ora torna alla sedia a dondolo e pensa a cosa diresti, da anziano, delle idee che non hai mai messo in pratica.

I libri che non hai mai scritto.

Le parole che non hai mai detto.

Perchè eri stanco. O spaventato. O perchè temevi di non essere giusto come gli altri.

Allora hai anche provato a essere come gli altri, a essere giusto.

Ma la grandezza di una persona non sta nell’essere giusto.

Tu volevi che fosse tutto facile: ma se essere grandi fosse facile, si vedrebbero un sacco di persone di successo, di persone grandi: astronauti, atleti professionisti, o supereroi!

Invece, si vedono un sacco di persone con grandi bocche, trovare delle scuse su Facebook per cercare di ricevere dei “Mi piace”. Ma… non si piacciono nemmeno loro!

Il talento è persistere.

La mia insegnante mi ha raccontato la storia della pianta del bambù. Dopo aver piantato il seme, ci mette cinque anni prima di rompere il terreno. In quei cinque anni, deve ricevere acqua tutti i giorni. Se manca di ricevere acqua anche solo un giorno, muore.

Ma dopo cinque anni, in cinque settimane cresce fino a 28 metri. Ci vuole tempo.

Quando avrai il seme dell’albero, la gente riderà, perchè non vedrà ciò che vedi tu. Diranno “Cosa sta facendo quell’idiota? Sta innaffiando la terra!”.

Sono incapaci di vedere l’albero che è piantato dentro di te.

Hanno la vista, ma non la visione.

Ma tu avrai la visione.

Ti diranno: “Sii reale! Sii realistico!”

Ma essere realistici è spesso una scusa per il pessimismo.

Lasciali ridere! Io ti garantisco che tu non troverai una soa persona di successo nella storia che la gente non avrà deriso.

Quindi SMETTILA DI PENSARE ALLA TUA REPUTAZIONE: la reputazione è ciò che la gente pensa di te.

Pensa a te stesso. Concentrati su CHI SEI.

Prendi questo impegno, col cuore: SMETTILA DI PENSARE. AGISCI.

Fallo per te. Il vero te. Perché te lo meriti. VIVI I TUOI SOGNI”.

Non restare seme. Innaffia la pianta e diventa ciò che sei.

cambiare vita

E ora tornate a sorridere, che questo blog è solo per gente che ama la vita, che la vuole vivere in pieno, al 100%, senza timori, senza vergogne. Che viaggia, ride e sogna. Serenamente. Io rido sempre, ridere è bello! E da quando ho cambiato ciò che non andava nella mia vita e non mi rendeva felice, sorrido ancora di più. Perché a me, di cosa pensa o dice la gente alle mie spalle, non importa proprio più nulla.

You Might Also Like

12 Comments

  • pacoinviaggio says: 16/10/2014 at 23:55

    Non so cosa succederà nel frattempo ma, a 90 anni, quando sarò su quella sedia a dondolo, vicino al mare, sorriderò perchè avrò provato con tutte le mie forze ad essere felice.
    Ciao Eli e grazie

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 17/10/2014 at 07:51

      Grazie del bellissimo pensiero, Paco! Lo spero anch’io per me stessa, di arrivarci a 90 anni 🙂 e di non avere rimpianti. Mai.

      Reply
  • Grazia Gironella says: 17/10/2014 at 10:46

    Sei una grande ispiratrice! In questi giorni sto imparando qualcosa sulla meccanica quantistica, e non ti dico che emozione sia per me scoprire che riguarda anche cose come queste di cui parli oggi. Qualche frattura si sta colmando, da qualche parte. Sono molto curiosa di vedere questo dove porta, e mi fa piacere averti conosciuta per la via. 🙂

    Reply
  • Barbara Lingua says: 17/10/2014 at 14:17

    Eli, hai scritto delle cose bellissime…. Che danno molta forza a chi incomincia ad osare , e da uno spiraglio a chi coraggio non ne ha ancora.
    Io, personalmente, sono quasi in partenza… Ricordi?
    Sono emozionatissima. e le tue parole sono come il soffio alle proprie spalle di un angelo invisibile che ti spinge delicatamente dove già stai andando.
    Ci sentiamo presto. ti penso. Pensami…

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 17/10/2014 at 22:04

      Barbara!! Ricordo! Sei pronta? Non si è mai pronti, lo so, però almeno il passo lo stai per fare.
      Certo che ti penso, e ti sostengo a distanza: non sono proprio un angelo, ma un’amica lontana sì. Vicina col cuore, però!
      Quando parti esattamente?

      Reply
      • Barbara Lingua says: 18/10/2014 at 02:58

        Sabato 25. 🙂

        Reply
        • Eli Sunday Siyabi says: 20/10/2014 at 19:31

          Ma è vicinissimooooo!! Prima tappa?

          Reply
          • Barbara Lingua says: 20/10/2014 at 23:46

            Rimango a siem reap. Voglio godermi Ong, monasteri, popolazione, e ogni angolo. .. e templi in totale solitudine.

          • Eli Sunday Siyabi says: 21/10/2014 at 13:01

            Bellissimo! Da lì se avrai voglia potresti andare a Battambang due giorni e – in mototaxi o tuk tuk – farti portare tra le campagne e alle pagode. Indimenticabile

  • Dany M says: 17/10/2014 at 16:47

    Che parole meravigliose ! Hai ragione, bisogna togliere l’abito di apparenza che si ha e lasciare uscire il vero noi!

    Reply
    • Eli Sunday Siyabi says: 17/10/2014 at 22:06

      Giusto, Dany: vivere con una maschera e non lasciar uscire chi siamo, sarebbe proprio sprecare la vita che abbiamo a disposizione. E noi mica vogliamo sprecare il nostro talento, no?

      Reply

    Leave a reply